Ci siamo! Siamo arrivati alla edizione numero 15 – sì, sono già 15 anni che la facciamo – della classica, unica, imitata – ma in realtà inimitabile –  grande festa dell’enoturismo, che sotto l’egida del Movimento Turismo del Vino si svolge in contemporanea in 600 cantine italiane!

È CANTINE APERTE!

Assaggi, visite guidate, degustazioni, wine trekking, vendita diretta e presentazione delle nuove annate dei vini.

Noi ci saremo:

Sabato 25 maggio dalle 15 alle 19 (anche prima, dalle 10 comunque normalmente aperti per vendita diretta)

Domenica 26 maggio dalle 10 alle 19

 

Potrete assaggiare in anteprima:

Colli Bolognesi Pignoletto docg frizzante (2023),

Colli Bolognesi doc Bologna Bianco “Duesettanta” 2023,

Colli Bolognesi Pignoletto docg Superiore Classico 2022,

Rosato Emilia IGT 2023,

Colli Bolognesi doc Barbera “Flora Italica” 2022,

Colli Bolognesi doc Bologna Rosso “Controluce” 2021.

E  in più una ghiotta novità: per la prima volta in occasione di Cantine Aperte, domenica 26 sarà possibile pranzare in terrazza al tavolo, o anche comodamente ‘polleggiati ‘ sul prato, tipo picnic, nel parco vista Bologna grazie a Sfoglia Rina, il famoso laboratorio e ristorante di pasta fresca che per l’occasione sarà nostro ospite con le sue proposte da abbinare ai vini (lasagne, tortelloni fritti, tigelle e tanto altro), in una zona riservata. La zona ristorante sarà operativa per l’intera giornata di domenica 26, dalle 11 alle 19, e non solo all’ora di pranzo.

Detto di questa novità, quest’anno nel nostro Cantine Aperte cambia anche leggermente  la  formula. L’obiettivo è di permettere a tutti una degustazione rilassata e più attenta, senza affollamenti. Abbiamo infatti istituito una quota pressoché simbolica per la degustazione: 10 euro, che dà diritto all’assaggio di 5 vini diversi.

Per partecipare al nostro Cantine Aperte, come da tradizione, non è necessaria prenotazione (tranne che  per  le iniziative speciali e le visite guidate – vedi sotto), e nemmeno nell’area ristoro di Sfoglia Rina: il parco e la terrazza sono molti grandi e i tavoli a rotazione pensiamo bastino per tutti!

PS La giornata di Cantine Aperte per noi di Manaresi è una ‘festa’: degustate però con moderazione,  soffermatevi ai tavoli lo stretto necessario, e ricordate che il fumo non è gradito in prossimità della zona degustazione e ristorazione. Grazie!

Per quanto riguarda il programma speciale nell’ambito delle due giornate, mettiamo in evidenza:

Sabato 25, alle ore 16.00

Wine trekking: escursione guidata da Fabio, titolare e agronomo dell’azienda, per cavedagne, sentieri, boschi e vigneti della nostra proprietà, lunghezza 3 km, con dislivello in salita di 150 m, durata circa 1 ora. Verranno fornite con spiegazioni su vigneti, filosofia e tecniche agronomiche. Il percorso toccherà anche la storica Villa Bertoloni Marcovigi, con il suo parco impreziosito da rari alberi ad alto fusto, e il bosco di Rio Cavanella. A  seguire breve visita in cantina e assaggi  (costo 10 euro comprensivo di ingresso a Cantine Aperte e degustazione vini, quindi di fatto gratuito. Prenotazione obbligatoria, preferibile via mail info@manaresi.net,o what’s app 3358032189).

Domenica 26, alle ore 11.00

Esclusiva visita guidata a sfondo artistico-culturale a cura dell’Associazione Artistica Paolo Manaresi. Quota di partecipazione 15 euro, che comprende iscrizione all’Associazione* e ingresso a Cantine Aperte con degustazione (di fatto, quindi, 5 euro). Prenotazione obbligatoria, preferibile via mail info@manaresi.net,o what’s app 3358032189

Donatella, “padrona di casa”, titolare e nipote dell’artista  Paolo Manaresi, vi guiderà nel percorso didattico sull’arte dell’acquaforte allestito all’interno della cantina con gli oggetti e gli strumenti dello studio di Manaresi. Vi illustrerà inoltre le modalità con le quali oggi la cantina Manaresi sta mantenendo vivo il  nome del Maestro, mediante  il legame fra la sua arte e l’immagine grafica dell’azienda, premiata negli anni con i maggiori riconoscimenti del settore. Inoltre, verrà illustrato un piccolo spazio espositivo dedicato a Manaresi, in cui è stato riallestito il suo prezioso torchio calcografico originale. A seguire, breve visita guidata della zona di produzione della cantina; infine, degustazione.

*L’associazione artistica Paolo  Manaresi per statuto promuove e valorizza l’opera degli artisti bolognesi e non solo, con particolare riferimento al maestro Paolo, secondo un programma di incontri culturali, visite guidate a mostre, musei, città. Si occupa altresì della catalogazione e archiviazione dell’opera di Paolo Manaresi e dell’organizzazione di mostre.